Pink Magazine Italia è una rivista online nata nel 2015 con l’intento di raccontare le donne attraverso i libri. Avevamo un piano editoriale semplice, lineare, che ci permetteva di fare quello che amavamo e amiamo di più: parlare di donne e di libri. Un editore ci aveva notate e ci aveva proposto di stampare la versione cartacea del giornale. Per un anno siamo uscite in edicola ma poi abbiamo capito che la scelta ecologica era la via del futuro, la strada che intendevamo percorrere e così abbiamo deciso di rimanere online.

Anche il piano editoriale è cambiato nel corso degli anni. Ci siamo ritrovate ad affrontare in modo del tutto naturale e logico temi come i diritti delle donne, l’ecologia, la storia, i viaggi, la moda e le arti. Tutto da un punto di vista femminile e femminista. Ci siamo aperte ai social e agli eventi, legandoci ad altre realtà con le quali la collaborazione è sana e salda.

Il 19 agosto 2020 avevamo fondato la società The Pink Factory SRLS che poi però abbiamo chiuso per farla diventare un collettivo femminista autofinanziato. Una decisione forte, ma della quale siamo orgogliose.

In redazione siamo animate da uno spirito di sorellanza che si è rinsaldato dopo l’hackeraggio Instagram del gennaio 2022 – ricordiamo a tal proposito che il nuovo account ufficiale è @pinkmagazineitalia.it – siamo riuscite a risalire man mano la china. Chi se n’è andato e chi è rimasto farà sempre parte della Pink Community, che non ha genere, età e nazionalità.

A febbraio 2024, la svolta. Abbiamo deciso di dare un’impronta eco-femminista al magazine. Siamo e resteremo sempre una rivista che promuove e salvaguarda il talento femminile in tutte le sue forme. Ma volevamo fare di più. Ci siamo riunite e abbiamo unito le forze per dare ancora più risalto al lavoro delle donne, alla società e alla cultura. Perché noi stesse siamo sempre il punto di partenza giusto.

E lo abbiamo fatto abbracciando l’eco-femminismo: il connubio tra donna e madre terra è antico più del mondo e va salvaguardato in ogni sua forma. E siamo ovviamente anche contro ogni differenziazione, ogni abuso, ogni tipo di violenza e disparità.

Abbiamo così dato largo spazio dunque all’arte, alla cultura, alla lettura, alla moda e al beauty ecosostenibili, ai viaggi e soprattutto agli appuntamenti imperdibili. Una parte del sito è inoltre dedicata all’agenda, all’edicola e al book club.

Fermiamoci un attimo per parlare di Endora, il nostro podcast, creato a dicembre 2023, disponibile su Spotify. Nel 1964 parafrasando le parole della femminista Betty Friedan, Endora, madre di Samantha in Bewitched, Vita da Strega, contestava il ruolo delle donne all’interno della famiglia, imponendosi come figura di rottura a favore di un ritorno al matriarcato. Attraverso Endora, la serie tv Vita da Strega conteneva in sé la speranza della liberazione delle donne. L’idea base del podcast è di traghettavi in un matriarcato giocoso, raccontandovi le origini della ribellione femminile e dove ci ha portate.

La strega Endora dà il nome anche al nostro bookclub: ogni mese ci confrontiamo su una lettura femminista. Un club gratuito al quale possono partecipare tutti.

Tutti i nostri articoli sono amati come figli. Per noi contano le persone: non il numero di visualizzazioni o il famigerato engagement, ma il nostro impegno.

Le cose più belle nella vita sono gratis: un bacio, un abbraccio, un sorriso e la parola giusta al momento giusto. Tutto questo fa la differenza e non costa nulla.

La direzione

Comments are closed.